Italia – Inghilterra 0-0 (4-2 ai rigori)

 

Poche considerazioni:

1) dovevamo vincere 3-0, quantomeno;

2) l’Inghilterra, nonostante buoni giocatori (Rooney, Gerrard e Terry sono campioni, Cole, Walcott, Young, Lescott e Carroll sono sicuramente di buon livello, gli altri scesi in campo non sono certamente scarsi), si è rivelata praticamente nulla. Ci ha messo in difficoltà pochissime volte, e solo sfruttando la velocità dei suoi ventenni di colore. Per il resto il niente fatto squadra. Bene ha fatto Capello a lasciarli, benissimo Hodgson a farli giocare in UNDICI dietro la linea del pallone. Anzi, dietro la propria trequarti…

3) i giocatori italiani, ed il nostro campionato in generale, sono sovrastimati e sottovalutati. Una nazionale poco più che mediocre come quella di quest’anno ha comunque e decisamente enormi risorse in più alle squadre di medio livello. E, come dimostrato con la Spagna, risorse pari alle squadre di alto livello.

4) se questa sera ci fosse stato un attaccante “alla Inzaghi” in campo avremmo vinto 4-0. Lo affermo con sicurezza stentorea ed irrevocabile.

Le pagelle:

Buffon, 7,5: la parata all’inizio del primo tempo è oro puro. Riflessi così, alla sua età ce li hanno in pochi. Enorme. Para pure un rigore, cosa più unica che rara nella sua carriera.

Balzaretti, 7: costantemente libero ed ignorato dagli avversari, va a cercarsi una posizione molto defilata e “strana”, tanto da essere spesso ignorato anche dai compagni. Quando prende palla sa quel che farci, e si rivela ancora una volta più ala che difensore. Grandissimo anche nel secondo tempo e non smette di giocare bene, anche se esaurito. Immola anche la faccia pur di fermare un’azione inglese.

Bonucci, 7: per una volta, il migliore dei due centrali. Il livello basso degli avversari lo agevola, ma lui in effetti non sbaglia nulla, chiunque gli capiti da marcare.

Barzagli, 6,5: tanti errori ed estrema sofferenza per una decina di minuti nel primo tempo sugli affondi di Rooney. Soffre i brevilinei e la velocità in maniera forse eccessiva ma i suoi errori, stranamente, per una volta sembrano anche di posizione. Nel secondo tempo, allontanato Rooney e messo su Carroll, torna a giocare su ottimi livelli.

Abate, 7: in difesa si divide tra Young, il suo uomo, e Rooney, spesso fuori posizione nella seconda parte del primo tempo. Non sbaglia praticamente nulla, ma quando supera il centrocampo si conferma estremamente titubante e poco incisivo, nonostante gli avversari non siano certo arrembanti o pericolosi. Nel secondo tempo va anche avanti, e mette dentro qualche cross pericoloso. Esce per vistosi problemi muscolari.

De Rossi, 8: lotta con tutto e tutti, prende un palo svirgolando un pallone dalla trequarti, chiude tutti gli spazi. Sembra imprescindibile e quando esce si teme un po’ per la tenuta del centrocampo. Va tutto bene, ma speriamo comunque che torni bello pimpante per i tedeschi.

Pirlo, 7,5: meno cercato dai compagni del solito, sembra un po’ stanco. Non si propone e mai e spesso si limita a stare davanti alla difesa o addirittura quasi al livello di quest’ultima. Nonostante questo due dei suoi lanci nel primo tempo trovano liberissimo Balotelli e portano a due buone occasioni. Nel secondo tempo limita ancora il gioco d’attacco, ma torna a portare per mano la squadra. Un voto in più per il cucchiaio, ma ancora di più per il suo primo, mezzo accennato, sorriso.

Marchisio, 7,5: meno “visibile” rispetto alle prime tre partite, è in realtà estremamente più utile in questa. Non sbaglia mezza posizione in campo e vince anche tutti i contrasti con gli avversari diretti. Si permette di far scorrere buone palle in avanti. L’unica pecca è non essersi proposto al tiro: con l’Inghilterra così schiacciata la sua capacità balistica sarebbe stata abbastanza utile. Comunque l’ultimo a smettere di correre.

Montolivo, 6,5: tecnicamente una spanna sopra tutti,  tatticamente sa il fatto suo. Sta dove deve stare e va dove deve andare. Ma fa tutto questo senza convinzione e agonismo, risultando troppo molle contro gli undici difensori inglesi del primo tempo, benché in un paio di occasioni offra gran palle in avanti. Anche lui potrebbe provare più spesso il tiro da fuori.
Nel secondo tempo, con la nullità assoluta degli inglesi, lui continua a giocare di posizione, dando tantissimo fiato alla squadra e aprendo, per quanto possibile, qualche spazio. Ma ancora niente tiri.
Sbaglia anche il rigore, e per questo niente 7.

Cassano, 6,5: si muove meno che nelle prime partite ed è guardato a vista da almeno tre giocatori, tutti più veloci e reattivi di lui. Riesce comunque a trovare per ben tre volte il tiro da lontano, nonché un ottimo assist di testa sprecato dal suo compagno d’attacco. Ci riprova ancora nel secondo tempo, prima di uscire spompato come al solito. Forse poteva essere la partita di un fringuello come Di Natale.

Balotelli, 7: c’è, si muove bene e si fa trovare, ma sbaglia troppo. Di nuovo lento in un’occasione, troppo poco convinto in altri due tentativi d’attacco. Altre volte è impreciso. Nonostante tutto bisogna dire che è stato di gran lunga il più pericoloso in campo, ed i tentativi sono stati quasi sempre di pregevole fattura. In più mette anche il rigore in maniera perfetta. Va bene così.

Sostituzioni.

Nocerino, 7: Un gol annullato, un’occasione, un rigore messo con assoluta sicurezza (nonostante lui rimanga un’incontrista), De Rossi supplito alla perfezione. Per il poco che ha giocato non gli si può chiedere proprio nulla di più.

Diamanti, 7: un palo non voluto, il rigore decisivo buttato dentro in simpatia, gran movimento in campo e un sinistro spettacolare che disegna assurde traiettorie. Regala quella confusione che potrebbe scardinare gli undici avversari, e per poco non riesce nell’obiettivo. Poco male, la vittoria finale porta comunque il suo marchio.

Maggio, 6,5: parte molto titubante ed approssimativo, finisce arrembante ed incattivito. Squalificato, potrebbe essere un grosso problema per la prossima partita se Abate dovesse aver avuto più che un affaticamento.

E finisce qui. Commento Italia-Spagna.

E siamo usciti ai rigori. Sta scena mi pare di averla già vista, ma in fin dei conti non ci si abitua mai. Potevamo uscire noi come loro, sembra banale ma è così, durante i due tempi regolamentari e i due supplementari nessuno ha meritato veramente di vincere.

Buffon 8: durante la partita para quel poco che arriva nello specchio (due tiri a voler essere buoni), ma soprattutto mostra tutte le altre caratteristiche che un portiere deve avere: non sbaglia un’uscita, ha sempre i tempi perfetti e chiude tutto lo specchio della porta agli attaccanti spagnoli che tentano la penetrazione. Para anche un rigore (in verità calciato maluccio). Più di così si vince solo per la sua presenza.
Grosso 7,5: quasi perfetto. In difesa perde poche volte in velocità mentre sul breve sembra più in difficoltà, ma alla dfine dalla sua parte non arrivano grandi pericoli. Per quanto riguarda la spinta è formidabile, forse è l’unico dell’11 titolare che al 120° ancora si proponeva in attacco. Buona anche la qualità dei cross.
Chiellini 9: sembrava Cannavaro. Nè Torres nè Villa nè Guiza gli danno particolarmente fastidio, riesce a rubare sempre loro il tempo, in takle è praticamente perfetto, di testa è insuperabile e si permette anche qualche decina di anticipi fuori area. La sua miglior partita, molto incorraggiante per il futuro della nazionale.
Panucci 6,5: forse meriterebbe di più, ma ha il brutto vizio di attaccarsi agli avversari rimanendo sempre sul limite del rigore. Per fortuna questa volta il limite non lo oltrepassa. Controlla benissimo Torres, incapace di fargli patire alcunchè, un pò meno Villa che qualche volta lo supera bene. Tutto sommato una buona partita, probabilmente l’ultima con la nazionale. Utile.
Zambrotta 5: primo tempo inguardabile, esce alla distanza. In difesa è attento, anche se un pò lento rispetto a Silva. Nonostante questo rimedia con una conoscenza tattica incredibilmente migliore rispetto a quella degli spagnoli. Non avanza quasi mai e quando lo fa sbaglia sistematicamente il cross. Eppure il cross dalla trequarti insegnano che è inutile già ai pulcini.. Non era il suo europeo.
Ambrosini 6,5: parte da 8, un primo tempo fantastico, è su tutti i palloni e quando non c’è possesso palla è su tutti i giocatori. Non ha i piedi per far ripartire l’azione, ma ad occhio e croce direi che non fosse compito suo. Cala visibilmente alla distanza, mandando abbastanza in confusione il centrocampo.
De Rossi 6,5: praticamente (come si sospettava) fa il difensore aggiunto, il mediano d’altri tempi. Gioca d’anticipo davanti l’area, copre al centro benissimo tanto la Spagna riesce ad entrare solo sulle fasce. Avanza poco ma quando lo fa se la cava, almeno in fase di passaggio. Non trova invece mai lo spazio per il tiro. Sul rigore c’è da dire che non è il primo che sbaglia. Quando conta di solito lui non c’è, non è mestiere suo fare i rigori decisivi. Peccato per lui, ha tempo per rifarsi.
Aquilani 4: semplicemente non c’è. Le doti del giocatore saranno indiscutibili, ma sembra ed è ancora uno strappato all’under 21. Gli mancano ancora gli attributi per giocare una partita così importante. In marcatura è abbastanza nullo e in fase propositiva scandaloso, tanto che per quasi tutto il tempo l’Italia spinge solo sulla sinistra, nonostante è a destra che Silva e Capdevilla lasciano buchi enormi.
Perrotta 5,5: per sbattere si sbatte, fa anche la seconda punta aggiunta accanto allo statuario Toni, però alla fine i risultati sono pochi. Troppo troppo in confusione, in questa partita anche tanti appoggi sbagliati che non sono da lui. Però è un giocatore fondamentale per ogni squadra, con la capacità che ha di fare un pò tutto dalla mediana in su.
Cassano 6: nel primo tempo fa delle belle giocate, poi incomincia a pigliarci gusto e ad esagerare. Alla fine nell’apatia generale si spegne completamente e viene sostituito. C’è da chiedersi come renderebbe 10 metri più avanti, magari con qualche compagno di reparto in più. O magari diverso dalla colonna greca che aveva oggi.
Toni 3: gli si perdona tutto, tranne l’indolenza. Nelle scorse partite pur con pessimi risultati si era sbattuto come pochi, pur apparendo in forma fisica precaria se non scandalosa. In quest’ultima partita invece praticamente non fa proprio nulla. Si limita a vivacchiare in area, cercare il fallo dei difensori avversari e spizzarla (male) di testa. Già a metà del secondo tempo passeggiava, non pressava manco a chiederglielo per favore. Magari un’opportunità da prima punta a Borriello o Quagliarella (che dalla sua ha anche il gran tiro dalla distanza) si poteva concedere, almeno nei supplementari. Ed erano entrambi rigoristi.
Camoranesi 6: fa il suo. Parte maluccio, poi trova due tre fughe palla al piede di buona fattura e risale di morale. Sbaglia poco, ci mette un pò di fantasia in attacco e segna un rigore. Fa anche l’unico tiro decente nello specchio dell’intera partita, da una parta e dall’altra. Di più nel tempo concessogli non poteva fare.
Di Natale 6: poteva entrare prima, magari anche dall’inizio. Ci mette vivacità, corsa, pressing e anche tecnica. Fa dei cross di ottima fattura per l’inutile Toni e addirittura sfiora il gol di testa su un grande stacco. Era il giocatore ideale per mandare in crisi la pessima difesa spagnola. Poi sbaglia un rigore, e sinceramente designare lui al quarto posto mi è sembrato un pò un azzardo. Troppa poca esperienza per queste cose.
Del Piero 6,5: entra nei supplementari in vista di battere un rigore. Quando tutti i giocatori avversari sono spompati lui è un fenomeno. Si permette una serie di dribbling e giocate di alto livello, ma ovviamente in quel momento predica nel deserto. Probabilmente come quarto rigorista sarebbe stato meglio lui (o Panucci). Spero vivamente che sia l’ultima sua partita in nazionale. Senza rancore e senza rammarico. Però basta.

Donadoni 5,5: con le assenze di Pirlo e Gattuso la squadra era praticamente obbligata. La formazione titolare è logica, soprattutto pensando alle passate buone prestazioni della Spagna. Quel che non va proprio è la lettura della partita durante il suo corso. Toni non ha retto 70 minuti, perchè fargliene giocare 120? Già nel primo tempo si vedeva che c’erano praterie nella metàcampo spagnola, perchè non inserire una seconda punta di ruolo? Magari al posto dello spaesato e francamente inutile Aquilani? Insomma ha peccato un pò di presunzione e forse di troppa speranza. Della serie "qualcosa succederà". E ora partirà il tormentone "Donadoni sì, Donadoni no". Io propendo per il sì, ma l’esonero non sarebbe uno scandalo.

Spagna: mio dio… Si può dire quello che pare, però a me sta squadra fa veramente tanto schifo. La difesa è inguardabile, Puyol e Sergio Ramos si reggono solo grazie ai falli, Marchena non fa altro che metterci fisico e nervi, capdevilla è un terzino inutile quanto in difesa quanto in attacco. Il centrocampo è di una pochezza impressionante sia sul piano della corsa che su quello della creatività. Xavi Hernandez non vede praticamente palla, si limita a gestirla come farebbe un giocatore di C le rare volte che la prende. Senna è un onestissimo mediano, probabilmente il migliore dei centrali spagnoli in una partita vera. Sulle fasce Iniesta è semplicemente "ridicolo", punta l’uomo e viene sbeffeggiato regolarmente da qualsiasi difensore e tenta dei tiri da lontano che fanno gridare vendetta al cospetto degli dei. Secondo Guardiola è meglio lui che Deco. Auguri, Pep. Silva invece è un gran talento, anche se tatticamente è paragonabile ad una sega (passatemi il francesismo). Corre tanto, ha i piedi buoni nello stretto, ha una discreta visione di gioco e una tecnica di pregio (anche se non esaltante, in velocità sembra uno scarparo qualsiasi), però non sa proprio come stare in campo. Torres lo ripeto da almeno due anni è un giocatore incredibilmente sopravvalutato. Ha una buona tecnica, ma non la sa esprimere negli spazi stretti, nè riesce a far vedere molto quando la velocità di esecuzione lo richiederebbe. Fors nelle praterie della liga e contro le statuine della Premier sarà un fenomeno, ma questo in Italia se si fa mangiare da un Panucci 35enne ormai lento come una carriola non combinerebbe nulla di che. Villa è uguale ad Inzaghi, con molto meno senso del gol e poca più tecnica, soprattutto nello stretto. Bravo a posizionarsi bene è però LENTISSIMO quando si tratta di concludere di prima o più velocemente di una lumaca asfittica. Ottimo pure lui per Liga e Premier. In Champions ha segnato giusto contro il Rosenborg.
Insomma una pessima Spagna che dal suo aveva solo corsa e fiato. Scemi noi a non approfittarne e a rimanere su una inutile (col senno di poi) impostazione difensiva.
P.s.= se noi siamo imbroglioni, gli spagnoli ci battono almeno di un chilometro di distacco su questo fronte. Mai viste tante simulazioni, appena la palla finiva fuori portata erano a terra. Villa il peggiore, addirittura patetico quando pensando di avere Panucci dietro si lascia cadere. Io mi vergognerei. E pensavo che Del Piero fosse un simulatore… almeno i nostri cadono quando c’è qualcuno vicino, non da soli.

Ultima parola sull’arbitro: perfetto. Non ne sbaglia una e caccia i cartellini al momento giusto. Veramente il migliore in campo. Ottimi anche i collaboratori suo fuorigiochi.

Arrivederci a Sudafrica 2010 (o alle Olimpiadi 2008, perchè no…)