Italia – Irlanda 2-0

E tutto va / come deve andare / o per lo meno così dicono… (cit.)

Passiamo il turno senza gloria e senza infamia. La Spagna fa il suo mestiere (e si prende il primo, meritato, posto), la Croazia esce come è giusto per quanto dimostrato in campo. L’Irlanda, nonostante tutto, riesce a prenderne due anche da noi, finendo peraltro in dieci.

Una partita totalmente giocata sul piano fisico, sul contrasto e sulle palle alte, sui lancioni lunghi e sulla velocità delle ali. Trapattoni docet, ma non basta: troppo poco contro una Nazionale italiana che, seppur modesta, ha almeno cinque-sei giocatori che da singoli hanno più qualità che tutta la nazione irlandese messa assieme, calciatori e non.

Probabilmente il nostro calcio non meritava, per i comportamenti ben noti ed altrove esposti, un risultato simile; benché sul piano del calcio giocato il risultato non fa una piega. Anzi, per quanto fatto contro Spagna e Croazia potremmo anche recriminare qualcosa.

Nel prossimo turno ci aspettano Francia, Inghilterra o Ucraina, in ordine di probabilità: in ogni caso avversari abbordabili e sfide interessanti. La Francia è per questo scorcio di esistenza il nostro nemico storico; l’Inghilterra di Hodgson e del fu Capello non ha mai deluso a livello di furore agonistico; l’Ucraina è la padrona di casa, trascinata per ora da un grande ex del nostro calcio, e ci ha lanciato sei anni fa alla conquista di un mondiale…

Chiunque capiterà rappresenterà una bella sfida e si spera una partita migliore da vedere delle ultime due…

Buffon, 6: mai chiamato in causa sul serio, se non dopo una manciata di secondi. Non sicurissimo come nelle altre partite, fa comunque il suo a livello mentale. Urla, strepita, richiama e si becca pure un’ammonizione.

Abate, 6,5: si muove molto e a differenza di Maggio lo fa con costrutto. E’ uno dei pochi giocatori che si fa trovare quasi sempre libero per il passaggio. In difesa non sbaglia nulla, nonostante i clienti più difficili, Duff e McGeady, capitino proprio a lui. Sul finire di primo tempo in tackle scivolato fa un omaggio a Maldini: non è cosa sua, ma ogni tanto fa piacere vedere che difensori si può diventare. Nel secondo tempo smette di salire, e quando lo fa non viene mai servito. Comunque positivo.

Barzagli, 6: impreciso, ma sicuro. Non sbaglia mai la posizione, evitando quindi pericoli per Buffon. Guida bene Chiellini, che poi è la cosa più importante. Coi piedi semplicemente non sa fare nulla, ma va bene così.

Chiellini, 6: è la sua partita, può finalmente fare a sportellate con giocatori tecnicamente inesistenti e fieri di andare a sbattere contro gli avversari. Non può chiedere di meglio. Esce per un infortunio, mettendo paura a tutt’Italia.

Balzaretti, 7: in difesa, come è ovvio, surclassa le prestazioni di Giaccherini; ma stranamente anche in avanti sembra rendere di più, posizionandosi di fatto come ala avanzata. Ci mette anche un gran fisico, che chiude la fascia agli irlandesi. Per un attimo, nel primo tempo, si scorda di giocare a calcio ed in onore allo sport nazionale degli avversari “placca” platealmente un giocatore. Non cala alla distanza, e probabilmente si guadagna un posto da titolare per la prossima partita.

De Rossi, 6,5: nel primo tempo è indolente, un po’ fermo, ma bravo ad essere nel posto giusto quando serve. Chiude le linee di passaggio e si propone in avanti, anche se defilato, un paio di volte. Arriva anche al tiro. Il peggior De Rossi è comunque un centrocampista utile. Certo che in difesa aveva fatto ben altre partite. Nel secondo tempo cresce incredibilmente, diventando di gran lunga il nostro miglior centrocampista, se non proprio il miglior giocatore in campo. Tanta grinta e carattere, in una partita così i nervi sono fondamentali.

Pirlo, 6,5: gioca la solita quantità infinita di palloni, ma produce meno di quel che ci si può aspettare, soprattutto per la mollezza dei compagni. Resta comunque il faro di tutte le squadre dove gli capita di giocare. Nel secondo tempo va un po’ in bambola, probabilmente in grosso debito d’ossigeno. Ha pur sempre 33 anni, ed ha giocato tre partite intere (e nervose) in una decina di giorni.

Marchisio, 6,5: ogni tanto si infiamma, ma per la maggior parte del primo tempo si ritrova un po’ fuori dal gioco, legato più all’iniziativa individuale che alla coralità (inesistente) del gioco azzurro. A differenza delle partite precedenti non va al tiro. Un po’ in sofferenza e più titubante rispetto alle prime uscite. Nel secondo tempo si prodiga a coprire gli spazi, e questo gli vale mezzo voto in più.

Thiago Motta, 5,5: qualche pallone in più lo tocca, rispetto alle altre due partite. Non è certo abbastanza per la sufficienza, anche considerato il fatto che non riesce mai in un inserimento che porti quantomeno ad un tiro, e questo dovrebbe essere il suo obiettivo. Anche spostato a centrocampo, non sembra aggiungere nulla alla nazionale. Può fare molto meglio.

Cassano 6,5: è l’attaccante italiano con i migliori piedi, di gran lunga. Ogni suo passaggio arriva a destinazione o quasi. In più si prodiga parecchio, spostandosi continuamente di posizione, sia sulle fasce, sia al centro. Non arretra e rimane a fare da punto di riferimento in avanti. Segna un gol di testa contro una difesa di tipo anglosassone, ed è un nano. Non so come si possa criticare: finché gli reggono le gambe, è insostituibile.

Di Natale 5,5: qualcosa fa, ma finire 45 minuti senza un tiro, contro l’Irlanda, non è da attaccante della nazionale italiana, chiunque esso sia. Si propone poco e viene servito ancora meno. Nella parte di secondo tempo in cui è in campo fa qualcosa in più, arrivando due volte ad essere vagamente pericoloso. Esce quando proprio non ne ha più. Non può fare reparto da solo, non accompagnato da Thiago Motta e Cassano.

Sostituzioni:

Bonucci, 6: entra, e l’Italia batte i denti per la tensione. Non sbaglia nulla e si diverte come Chiellini a fare a sportellate con gli irlandesi. Qualche rilancio sbilenco, ma va benissimo così. Dopo il secondo gol va a bloccareBalotelli; fosse per me, potrebbe senza problemi essere il suo ruolo ufficiale nel mondo del calcio.

Diamanti, 6,5: non è un 7 pieno solamente perché gioca solo un tempo e scompare pure per una manciata di minuti, ma per il resto fa tutto quello che deve fare e lo fa benissimo. A centrocampo insegue ogni pallone ed ogni giocatore, arrivando anche senza problemi al contrasto. La sua gamba non va mai indietro, e per un trequartista è una cosa più unica che rara. Come Cassano mette estremamente in difficoltà gli avversari a livello tecnico con una facilità impressionante. Arriva anche al tiro con una bella azione personale, ed è sempre bene in posizione nelle volte in cui l’Italia avanza. Con il 4-3-1-2 il titolare dovrebbe essere lui, almeno con avversari abbordabili.

Balotelli, 6: entra e gioca come al solito contro tutto e tutti. Fischi, falli, provocazioni: si prende di tutto e risponde con lo stesso, scurrile, linguaggio. Segna un gol splendido e Bonucci, con la mossa più utile della sua carriera di calciatore, gli va a tappare la bocca di corsa durante l’esultanza.

Be Sociable, Share!