Germania – Italia 1-2

Ne potevamo fare di più, ne potevamo prendere di più. Non conta, a livello di gioco abbiamo ancora una volta SURCLASSATO i tedeschi. Tattica, tecnica, classe, esperienza: prego, ripassare tra due anni e ritentare di nuovo; magari sarete più fortunati (ma anche no).

La Germania faceva paurROTFL! LI BATTIAMO SEMPRE.

Nota: il rigore non c’era, in compenso il campo era cosparso di vaselina. Meglio per i tedeschi (igh igh igh).

 

Buffon, 8: para, eccome se para. Solo una volta si fa aiutare da Pirlo, ma comunque para.

Balzaretti, 6: fuori posizione, sul piede sbagliato, non può fare chissà che. In difesa è attento, anche se nei primi minuti rimane un po’ troppo avanti. Nel finale fa due diagonali da antologia, che Sacchi gli bacerebbe gli scarpini.

Barzagli, 8: Gomez è il giocatore perfetto per essere marcato da lui. Mettergli un centravanti fisico contro significa fargli un piacere. Nel secondo tempo gli capitano invece tutti i nanetti, che però gli girano bene al largo.

Bonucci, 7: sporca tutte le palle che gli capitano nei pressi, ed esce bene a chiudere sulle cappellate di Chiellini. Di testa si rivela insuperabile e su Klose, il cliente peggiore che possa capitare ad un difensore longilineo, non sbaglia nulla.

Chiellini, 6: sufficiente solo perché sul contrasto è sempre fra i migliori, ma anche come terzino rivela che il suo senso della posizione è pessimo, così come la scelta di tempo. Dalle sue parti Boateng avanza e fa quasi quel che vuole. Nel secondo tempo Reus parte umiliandolo, poi il nasone nazionale cresce parecchio, in concomitanza con la fine del fiato. Quando non si può muovere, tiene posizione e non sbaglia più.

Marchisio, 6: il peggiore in campo per l’Italia del primo tempo, troppa confusione e poco supporto ai reparti. Dopo le corse infinite con l’Inghilterra forse è un po’ in debito d’ossigeno e di lucidità. Nella ripresa sale su di giri e soprattutto in copertura non sbaglia molto. Sul suo voto pesa tantissimo l’egoismo dell’occasione sprecata col suo tiro, quando Di Natale per ben due volte, e per lunghi secondi, si era smarcato liberissimo davanti la porta.

Pirlo, 7,5: crea, scherza, irride e si permette anche di parare un pallone in porta. Che deve farvi di più, pulirvi casa? Alla fine non ce la fa più col fisico, probabilmente perché v’ha pulito anche casa.

De Rossi, 10: dove c’è un buco, c’è lui. Gioca come interno, come mediano, come ala sinistra e come terzino sinistro quando Chiellini va in bambola (una volta ogni 2 azioni, in pratica). E’ spiritato ed in trance agonistica.

Montolivo, 7,5: OMMIODDIO, Montolivo che corre, contrasta, fa fallo, prova il tiro da lontano e cerca un assist difficile senza paura di quel che potrebbe succedere in caso d’errore. La sua migliore partita di sempre in nazionale, e forse non solo in nazionale.

Cassano, 7,5: tocca mezza dozzina di palloni, ne tira fuori un assist riuscito, due assist buttati al vento dai compagni, un gran tiro in porta da lontano. Tecnicamente è fuori dalla portate di qualsiasi tedesco. Ozil sarà anche il trequartista titolare del Real Madrid, ma i piedi di Fantantonio sono di un altro livello.

Balotelli, 8: due gol in un tempo contro la Germania, favorita per la vittoria finale. Serve altro? Prende un’ammonizione stupida, ma recupera ampiamente quando per ben due volte va a contrastare dietro la linea di centrocampo. In avanti fa a sportellate con i lungagnoni tedeschi, che reggono nel fisico, ma non nella potenza e soprattutto nella tecnica. Ne impegna sempre almeno due.

Sostituzioni:

Diamanti, 6: non di più perché è poco incisivo, ma quando e dove serve c’è. L’agonismo ce lo mette, la corsa pure, prova anche a turlupinare Neuer con un pallonettone da centrocampo. Ruota di scorta di lusso.

Di Natale, 6: lui c’era, la posizione in avanti ha dato non poco fastidio ai lungagnoni della difesa teutonica. Di suo ci mette un equilibrio approssimativo (peraltro condiviso coi compagni), ma di certo l’occasione migliore la perde per colpa di un troppo egoista Marchisio.

Thiago Motta, 6: per ora, la sua migliore partita. Dietro c’è, ed è anche fra i meno disordinati. Fa anche sentire il fisico quando serve, ed essendo più fresco fa ripartire l’azione più lucidamente di altri. Dimostra di essere una riserva affidabile, ma una riserva.

 

Be Sociable, Share!